sabato 30 novembre 2013

{DIY Project} Aspettando il Natale: sacchetti segnaposto

Buongiorno e buon sabato a tutti!  
Concludiamo questa settimana con il primo di una serie di post inerenti al Natale. Come vi dicevo qulache giorno fa, mi piacerebbe potervi proporre qualche idea carina (un regalo, un addobbo, una ricetta) da realizzare in occasione delle feste natralizie che molto velocemente stanno arrivando.
Io ho già fatto l'abero, lasciando qua e là per la casa qualche decorazione, ritirato fuori le vecchie lucine...e messo coem sottofondo Michael Bublè.

Per quattro settimane quindi, ogni sabato, vi aspetterò con un nuovo progetto.
Iniziamo oggi con la realizzazione di un semplice segnaposto per le vostre cene.

Vi occorreranno sacchetti per il pane in carta craft, rametti di abete o pino, washi tape colorati, mollettine di legno, stelline, cifre segna-biancheria, cerchietti di legno, timbri, nastri, e ... tutto quella che la vostra fantasia vi suggerisce.

Come vedete, nella realizzazione di questo segnaposto non ci sono regole precise. 
Ho attaccato il ramo di abete fermandolo con il washi tape, ho personalizzato il sacchetto utilizzando delle cifre segna-biancheria (si trovano facilmente in merceria), e poi ho utilizzato dei cerchietti piccolissimi ricavati da un pezzo di legno e con i timbri ho scritto la parola NOEL.
La comodità del sacchetto è che dentro potete inserire il tovagliolo e le posate oppure un messaggio o un regalino per i vostri ospiti. Per esempio un bastoncino caramellato.























Spero vi sia piaciuto! 
Non mi resta che augurarvi un buon week-end... Io sono un pò triste, sarei dovuta andare a Bologna da Gaia per il corso di Giochi di carta e per rivedere e conoscere alcune blogger! Ma all'ultimo momento ho dovuto rinunciare!
Spero di poter recuperare presto!

A lunedì!

martedì 26 novembre 2013

Winter Wedding Bouquet ft. aboutgarden

Buongiorno a tutti! E' con immenso piacere che voglio presentarvi un grandissimo progetto, a cui tengo moltissimo.
Innanzitutto procediamo con le presentazioni: ospite qui da me oggi c'è Simonetta di aboutgarden.
Molti di voi la conosceranno, o avranno letto di lei su qualche rivista o magari anche vista in tv.
Simonetta è un'appassionata di piante e fiori e della sua passione ne ha fatto una professione.
Andate a sbirciare il suo blog, ricco di spunti, nozioni e idee, non solo per chi come lei ha la fortuna di essere dotato di pollice verde, ma per chiunque abbia un minimo di interesse e passione per l'argomento.

Io ho avuto la fortuna di conoscere Simonetta durante la scorsa edizione del Memoires de Noel al Valdirose.
Ci siamo sempre scritte sui rispettivi blog, e sinceramente già da parecchio tempo avevo in mente di iniziare una collaborazione che profumasse di fiori e che allo stesso tempo avesse a che fare con il mio mondo, quello delle feste e dei matrimoni.
Allora si è accesa la lampadina: chiedere a lei, esperta di piante e fiori, di realizzare un bouquet da sposa ed eventualmente altri accessori per un matrimonio, uno per ogni stagione dell'anno, con consigli e spiegazioni per poterlo facilmente realizzare .
E così è stato.

Inauguriamo così questo nostro progetto con un bouquet per una sposa invernale.
(Seguirà prossimamente una piccola sorpresa-appendice a questo post, quindi...stay tuned!)

Ed ora la parola a Simonetta :
Con il mutare delle stagioni la natura si rinnova, si alternano fioriture e ogni pianta offre spunti di interesse differenti.
Esercitiamo i nostri occhi a guardare con attenzione i piccoli cambiamenti,
 scopriremo bacche dove non avremo mai pensato di trovare, come quelle prodotte in questo periodo dall'edera, Hedera helix, 
saremo attirati dall'aspetto vellutato delle foglie grigio argento della Stachy lanata, non per niente chiamata dagli Inglesi 'lamb's ear' e non potremo fare a meno di ammirare la candida fioritura di Helleborus niger, la rosa di Natale, che per forma ricorda appunto la rosa canina a cinque petali, preziosa perchè fiorisce quando tante altre piante sono a riposo. 

Bastano questi tre semplici elementi per comporre un bouquet dal sapore naturale facile da realizzare perfetto per la sposa d'inverno!


Materiale:
cesoie
forbici
guttaperca verde (nastro per fioristi)
fil di ferro sottile da fioristi
nastro di velluto
filo da ricamo (mulinè Anchor)
e naturalmente fiori…
Hedera helix
Helleborus niger
Stachy lanata 



Procedimento:
* Preparare i fiori rimuovendo parte del fogliame dai gambi. Assicurarsi che tutte le lunghezze dei gambi siano uguali, si tagliano per pareggiarli ulteriormente alla fine.
 

* Per le parti vegetali come le foglie della Stachys lanata, occorre predisporre un gambo aggiuntivo facendo passare alla base delle foglie un fil di ferro che si piega poi a metà e si fa attorcigliare alla piccola porzione di gambo, si ricopre infine con la guttaperca.

* Preparare un mazzetto centrale fornato da rose di Natale contornato da foglie di Stachys lanata, fermare il mazzetto con il fil di ferro sottile.


* Terminare la composizione con un ultimo giro esterno di rami di bacche di edera e avvolgere il mazzetto prima con altro fil di ferro e in seguito con un giro di guttaperca assicurandosi di non ricoprire i primi 5 centimetri di gambo da sotto la corolla e gli ultimi 1o in basso.

* Per ultimo occorre avvolgere il mazzo del bouquet con un nastro di velluto.
 Per un tocco personale al bouquet possiamo ricamare a punto erba le iniziali degli sposi sulle due estremità del nastro.

Ogni fiore riporta un particolare significato simbolico che si riferisce a interpretazioni di un linguaggio che in passato era uso comune:
Hedera helix è sinonimo di amicizia, fedeltà e amore esclusivo, Helleborus niger è la pazzia ma anche di buono auspicio per un nuovo inizio,
 infine la Stachys lanata, come tutte le pinate tappezzanti, è sinonimo di umiltà. 

 Potete scaricare qui le istruzioni per ricamare l'alfabeto con il punto erba.



Sono quasi certa che avrete apprezzato questo nostro progetto.
 Ci abbiamo pensato e lavorato molto, e ci farebbe molto piacere sapere di essere state d'aiuto per qualche futura sposa o di ispirazione per qualche fiorista.
Questo è solo il primo post di una serie di 4 appuntamenti che vi proporremo: il prossimo ovviamente sarà per la prossima primavera, con un bouquet tutto dedicato a questa coloratissima e tanto amata stagione.

Andate a trovare Simonetta sul suo blog!

a presto!

lunedì 25 novembre 2013

Cartoline da Parigi

Rieccomi! 
E' passato un bel pò di tempo dall'ultimo post: un viaggio a Parigi di cui vi ho accennato qualcosa, un paio di progetti a cui tengo moltissimo con tante altre blogger e professionisti  e un pò di novità dal fronte lavorativo che mi portano a stare fuori casa 4 giorni la settimana. Insomma, un bel pò daffare...Senza poi dimenticare che il Natale è alle porte ed io, probabilmente come tante di voi, inizio a scalpitare già da metà novembre.

In ogni caso, provo a rimettere in ordine i tasselli di queste ultime settimane e cominciamo dal principio: Parigi.
Se mi avete seguito su Facebook o Instagram avrete visto come io sia stata bene. E' stata l'occasione per passare un pò di tempo con mia mamma e mia sorella che non vedevo da un pò, e Parigi è sempre una buona idea, soprattutto se poi sei in  cerca di ispirazione. (ed io devo dire la verità ne ho trovata molta.)
Oltre al solito giro turistico (Notre Dame, Torre Eiffel, Montmartre, i mercatini brocante ecc ecc.) sono stata in due fiere che mi hanno letteralmente rapita.

 
La prima, Andy, un festival dedicato al matrimonio, con tanti espitori francesi...e qualche amico italiano.



Dimentichiamoci le fiere italiane dedicate ai matrimoni, questa era una vera festa per gli addetti ai lavori.

 ...e poi Créations et Savoir Faire, la fiera delle creative organizzata dalla rivista Marie Claire Idées. 
Mi si è aperto un mondo, gli occhi non bastavano per guardare tanta meraviglia, e ho dovuto acquistare persino una valigia apposita per portare  a casa tutto quello che avevo comprato: carte, stoffe, nastri, bottoni, timbri, ecc ecc.




Insomma, Parigi è sempre Parigi...ma questa volta mi è sembrata ancora più bella!

Non vedo l'ora di mostarvi molto presto tutte le foto dei lavori e progetti in atto in questo ultimo periodo. 
Sono certa che vi piaceranno moltissimo.

E per quanto riguarda il Natale... io ho iniziato con l'albero e varie decorazioni per la casa rigorosamente handmade. Pensavo, se la cosa può interessarvi e farvi piacere, di proporvi ogni settimana un progettino riguardante il Natale (che potrebbe essere una decorazione o come confezionare in maniera originale un pacchetto regalo,oppure un dolce o una proposta di regalo per i vostri cari) fino all'arrivo del 25 Dicembre. Che ne dite?

Vi abbraccio e vi ringrazio per essere sempre molto presenti qui sul blog o sugli altri canali.
Grazie per la fiducia!

giovedì 7 novembre 2013

Sibella Court

Buongiorno a tutti. 
Tra una valigia da preparare, vari indirizzi appuntati per questa mia vacanza-lavoro a Parigi e incontri da fare, (parto domani) dedico un pò del mio tempo al mio blog e a voi, presentandovi una delle scoperte del mio scorso week-end.
Vi preannuncio che il post di oggi è parecchio lungo, ma credo che ne valga decisamente la pena.
Probabilmente qualcuno di voi la conosce già, io invece mi ero persa questa donna fantastica. 
La mia amica Caterina mi ha dato dei libri da leggere, di Sibella Court, e mi si è aperto davvero un mondo di meraviglie.
Incuriosita e affascinata ho letto tutto quello che avevo a disposizione, ho cercato notizie di lei nel web, e ho iniziato a seguirla su tutti i social network. E' proprio come la immaginavo, o forse ancora meglio: un pozzo di ispirazioni e di idee...


Sibella Court è una delle stylist d'interni più famose d'Australia e del Mondo forse. Piena di idee, fonte inesauribile di ispirazione e soprattutto originalissima, ricerca oggetti unici ed eccentrici intorno al mondo (mercatini, natura, ecc...) per poi esporli come arredo nella sua casa o nelle composizioni dei suoi lavori.
Ha vissuto a lungo a New York lavorando per marchi come Jo Malone e Bergdorf Goodman e riviste quali Travel &Leisure, Vogue USA, Town & Country.
Nel 2003 è tornata in Australia dove ha aperto il concept store The Society Inc.
 In una sua vecchia intervista ha raccontato i suoi segreti di stile e come arredare iniziando con gli oggetti che amiamo e che abbiamo a disposizione, senza necessariamente spendere una fortuna.
Per Sibella infatti la mossa vincente (e più economica) per rendere più bella la propria casa è mettere in mostra quello che si ha già, perchè ogni oggetto ha una storia e quindi significato.

Questi alcuni consigli di Sibella che si possono trovare nei suoi libri:
  • Decorare con le parole permette di aggiungere un tocco personale e più autentico all'arredamento.
  • Le cornici vuote affiancate fungono da punto d'appoggio e fondale per oggetti recuperati di varia provenienza, sia costruiti dall'uomo sia naturali. 
  • Gli elementi in vetro, come la campana, offrono una prospettiva completamente diversa per gli oggetti collocati sullo sfondo.
  • Scrivete un testo a macchina sulle buste trasparenti di carta glassine e incorniciatele, o usatele per spedire gli inviti alla vostra prossima cena.
  • Date un tocco di autenticità al vostro arredamento con della ferramenta d'epoca: chiodi, viti e ganci ricoperti di una leggera patina di ruggine.
  • Per un effetto lifting ai barattoli di vetro d'uso quotidiano, basta avvolgerci intorno una fascia di carta da pacco recante una scritta dattilografata. Teneteli vuoti oppure riempiteli di fiori o oggetti delle vostre collezioni.
  • Ricavate un festone di bandierine utilizzando vecchi scampoli di tessuto, come decorazione per la casa.
  • Non tutti gli oggetti che avete in casa devono necessariamente essere utilizzati per loro funzione originaria. Le sedie possono diventare tavoli, i pavimenti servire da appoggio per genersose pile di libri e riviste, le maniglie degli armadi come supporto per appendere decorazioni.
  • Ritagliate vecchi francobolli da vecchie buste - assieme alla colla raggrumata. Appiccicateli qua e là, un pò dappertutto.


Per quanto riguarda i colori, Sibella parte sempre con una palette di riferimento. Questo, dice lei, le serve per darsi dei confini, oltre i quali non andare per non essere influenzata da altre ispirazioni o idee.
Ma la cosa interessante è che Sibella crede che ognuno ha la propria palette: sono i toni dai quali si è attratti continuamente. Per capirli basta esporre le cose che ci piacciono di più e vedere che colori hanno: questi comporranno la palette personale di ognuno di noi. Aggiungere o togliere finchè non ci sono 10 colori che stanno insieme in maniera armoniosa. Saremo poi giudici di noi stessi: ci accorgeremo quando il risultato sarà perfetto.




Un altro insegnamento di Sibella è che non bisogna mai pensare con il "per sempre". Ogni tanto c'è bisogno di cambiamento, perchè sarà questo a portare ogni volta una nuova carica di energia!

Grazie alla sua infinita creatività, Sibella ci dà anche qualche consiglio per addobbare la tavola, usando gli elementi naturali. (e qui da wedding planner mi sono profondamente immersa nella lettura dei suoi testi...)
Decorare una tavola con viticci, fiori, ramoscelli, verdure, frutta: tutto è decorativo.
Chi non ha la possibilità di avere un giardino, vada a fare una passeggiata: rientrerà sicuramente con qualche nuova idea e qualcosa in mano. Anche dei rami caduti dagli alberi possono diventare dei centrotavola, oppure per Natale  si possono disporre in un  vaso e appendervi degli ornamenti.
Ovviamente è bandito tutto ciò che è scontato: non bisogna limitarsi a mettere fiori in un centrotavola: provare anche ad aggiungere oggetti stravaganti e apparentemente inutili, tipo una pila di libri o una composizione di souvenir sotto una cupola di vetro: oggetti che magari possono anche stimolare la conversazione tra i commensali.

 


I suoi libri sono tutti meravigliosi e ricchi di spunti. Il mio preferito è "Etcetera Etc. Il gusto di arredare con le cose che si amano".
Con un titolo così come puoi non innamorartene?


(Foto di Chris Curt)

Oltre ad essere una stylist d'interni ed una scrittrice, Sibella tiene dei workshop, ha una sua linea di biancheria, cancelleria e accessori in vendita su Anthropologie, ha un negozio ed è una blogger.
Un vulcano insomma!

Trovate Sibella in libreria, su Facebook, su Instagram e sul suo blog.


Noi ci rileggiamo tra una decina di giorni... intanto potete seguirmi da Parigi su Fb o Ig!

PS: sono curiosa di conoscere la vostra palette...
 la mia ha una tonalità dominante. Indovinate quale? :-P