giovedì 7 novembre 2013

Sibella Court

Buongiorno a tutti. 
Tra una valigia da preparare, vari indirizzi appuntati per questa mia vacanza-lavoro a Parigi e incontri da fare, (parto domani) dedico un pò del mio tempo al mio blog e a voi, presentandovi una delle scoperte del mio scorso week-end.
Vi preannuncio che il post di oggi è parecchio lungo, ma credo che ne valga decisamente la pena.
Probabilmente qualcuno di voi la conosce già, io invece mi ero persa questa donna fantastica. 
La mia amica Caterina mi ha dato dei libri da leggere, di Sibella Court, e mi si è aperto davvero un mondo di meraviglie.
Incuriosita e affascinata ho letto tutto quello che avevo a disposizione, ho cercato notizie di lei nel web, e ho iniziato a seguirla su tutti i social network. E' proprio come la immaginavo, o forse ancora meglio: un pozzo di ispirazioni e di idee...


Sibella Court è una delle stylist d'interni più famose d'Australia e del Mondo forse. Piena di idee, fonte inesauribile di ispirazione e soprattutto originalissima, ricerca oggetti unici ed eccentrici intorno al mondo (mercatini, natura, ecc...) per poi esporli come arredo nella sua casa o nelle composizioni dei suoi lavori.
Ha vissuto a lungo a New York lavorando per marchi come Jo Malone e Bergdorf Goodman e riviste quali Travel &Leisure, Vogue USA, Town & Country.
Nel 2003 è tornata in Australia dove ha aperto il concept store The Society Inc.
 In una sua vecchia intervista ha raccontato i suoi segreti di stile e come arredare iniziando con gli oggetti che amiamo e che abbiamo a disposizione, senza necessariamente spendere una fortuna.
Per Sibella infatti la mossa vincente (e più economica) per rendere più bella la propria casa è mettere in mostra quello che si ha già, perchè ogni oggetto ha una storia e quindi significato.

Questi alcuni consigli di Sibella che si possono trovare nei suoi libri:
  • Decorare con le parole permette di aggiungere un tocco personale e più autentico all'arredamento.
  • Le cornici vuote affiancate fungono da punto d'appoggio e fondale per oggetti recuperati di varia provenienza, sia costruiti dall'uomo sia naturali. 
  • Gli elementi in vetro, come la campana, offrono una prospettiva completamente diversa per gli oggetti collocati sullo sfondo.
  • Scrivete un testo a macchina sulle buste trasparenti di carta glassine e incorniciatele, o usatele per spedire gli inviti alla vostra prossima cena.
  • Date un tocco di autenticità al vostro arredamento con della ferramenta d'epoca: chiodi, viti e ganci ricoperti di una leggera patina di ruggine.
  • Per un effetto lifting ai barattoli di vetro d'uso quotidiano, basta avvolgerci intorno una fascia di carta da pacco recante una scritta dattilografata. Teneteli vuoti oppure riempiteli di fiori o oggetti delle vostre collezioni.
  • Ricavate un festone di bandierine utilizzando vecchi scampoli di tessuto, come decorazione per la casa.
  • Non tutti gli oggetti che avete in casa devono necessariamente essere utilizzati per loro funzione originaria. Le sedie possono diventare tavoli, i pavimenti servire da appoggio per genersose pile di libri e riviste, le maniglie degli armadi come supporto per appendere decorazioni.
  • Ritagliate vecchi francobolli da vecchie buste - assieme alla colla raggrumata. Appiccicateli qua e là, un pò dappertutto.


Per quanto riguarda i colori, Sibella parte sempre con una palette di riferimento. Questo, dice lei, le serve per darsi dei confini, oltre i quali non andare per non essere influenzata da altre ispirazioni o idee.
Ma la cosa interessante è che Sibella crede che ognuno ha la propria palette: sono i toni dai quali si è attratti continuamente. Per capirli basta esporre le cose che ci piacciono di più e vedere che colori hanno: questi comporranno la palette personale di ognuno di noi. Aggiungere o togliere finchè non ci sono 10 colori che stanno insieme in maniera armoniosa. Saremo poi giudici di noi stessi: ci accorgeremo quando il risultato sarà perfetto.




Un altro insegnamento di Sibella è che non bisogna mai pensare con il "per sempre". Ogni tanto c'è bisogno di cambiamento, perchè sarà questo a portare ogni volta una nuova carica di energia!

Grazie alla sua infinita creatività, Sibella ci dà anche qualche consiglio per addobbare la tavola, usando gli elementi naturali. (e qui da wedding planner mi sono profondamente immersa nella lettura dei suoi testi...)
Decorare una tavola con viticci, fiori, ramoscelli, verdure, frutta: tutto è decorativo.
Chi non ha la possibilità di avere un giardino, vada a fare una passeggiata: rientrerà sicuramente con qualche nuova idea e qualcosa in mano. Anche dei rami caduti dagli alberi possono diventare dei centrotavola, oppure per Natale  si possono disporre in un  vaso e appendervi degli ornamenti.
Ovviamente è bandito tutto ciò che è scontato: non bisogna limitarsi a mettere fiori in un centrotavola: provare anche ad aggiungere oggetti stravaganti e apparentemente inutili, tipo una pila di libri o una composizione di souvenir sotto una cupola di vetro: oggetti che magari possono anche stimolare la conversazione tra i commensali.

 


I suoi libri sono tutti meravigliosi e ricchi di spunti. Il mio preferito è "Etcetera Etc. Il gusto di arredare con le cose che si amano".
Con un titolo così come puoi non innamorartene?


(Foto di Chris Curt)

Oltre ad essere una stylist d'interni ed una scrittrice, Sibella tiene dei workshop, ha una sua linea di biancheria, cancelleria e accessori in vendita su Anthropologie, ha un negozio ed è una blogger.
Un vulcano insomma!

Trovate Sibella in libreria, su Facebook, su Instagram e sul suo blog.


Noi ci rileggiamo tra una decina di giorni... intanto potete seguirmi da Parigi su Fb o Ig!

PS: sono curiosa di conoscere la vostra palette...
 la mia ha una tonalità dominante. Indovinate quale? :-P



6 commenti:

  1. Hai ragione: "Un mondo pieno di meraviglie", quello di Sibella, c'è bisogno di menti creative che cercano di creare novità allontanandosi da una banalità contagiosa che ultimamente ci circonda. Un personaggio interessante

    RispondiElimina
  2. Una donna straordinaria, inarrestabile, eclettica. Ed è pure bella. Complimenti per questo articolo!

    RispondiElimina
  3. stupenda Sibella, tante cose da imparare, grazie per avercela presentata!
    p.s. passa dal mio blog, oggi compie 1 anno, c'è un regalino! :)
    Sara
    buon viaggio cara!

    RispondiElimina
  4. Che post meraviglioso, che mondo particolare mi si è spalancato leggendolo.
    Questa donna è straordinaria, può essere una fonte inesauribile di idee e spunti.
    Ti auguro un meraviglioso soggiorno parigino.
    Aspetto con ansia i post in cui ci racconterai di questo viaggio.
    Un caro abbraccio...

    RispondiElimina
  5. La conoscevo già.. e la prima volta che mi sono imbattuta in lei, in libreria..me ne sono innamorata!, proprio come te!

    RispondiElimina
  6. Che bel post, come non ne vedo praticamente mai e ti ringrazio per questo. Grazie per aver condiviso questa tua scoperta, mi ha incuriosito così tanto... una persona davvero vulcanica e ho voglia di saperne di più, anche solo per riempirmi gli occhi di meraviglia!!! Ci sono persone in grado di vedere le cose con occhi nuovi e questo mi stupisce sempre...
    grazie e un buon viaggio a te!
    un abbraccio
    Giò

    RispondiElimina