venerdì 30 novembre 2012

L'ora del tè

C'era una volta...il tè delle cinque! 
Una piacevole abitudine per le signore senza problemi. Poi questa usanza è in gran parte tramontata; oggi però è tornata di gran moda. Per di più si è sviluppata l'abitudine di bere il tè a tutte le ore del giorno: alla prima colazione, al bar dell'ufficio, per riscaldarsi in inverno, per rinfrescarsi (se è ben ghiacciato) in un'afosa giornata estiva, lo beviamo la sera anche prima di andare a letto convinti che una tazza di tè ci regali un sonno più sereno, e perfino per dimagrire! 
Insomma, il tè è entrato di prepotenza nelle nostre abitudini alimentari.

E tuttavia sono ancora pochi quelli che conoscono le regole per fare un buon tè. Infatti gli inglesi, che sono autentici maestri in quest'arte, sostengono che noi lo facciamo pessimo, troppo leggero e privo di sapore.
Mia mamma mi ha tramandato questa passione e mi ha sempre suggerito come fare un tè coi fiocchi. A casa mia il caffè è sempre circolato pochissimo (io credo di non aver mai bevuto caffè in vita mia...strano, ma vero!) ma il tè certamente non è mai mancato.anzi, collezioniamo vecchie scatole in latta della Twinings, di Harrods e di Mariage Frères.


Volete provare anche voi? Dovete seguire questo procedimento:
1)scaldate prima la teiera con acqua bollente oppure mettendola in uno scaldavivande;
2)mettete nel recipiente un cucchiaino di tè per persona più uno per la teiera. Se al posto del tè in foglie usate quello in filtri, ricordate che una bustina è sufficiente per 2-3 tazze, quindi regolatevi quando dovete metterle nella teiera.
3)scaldate l'acqua in un recipiente smaltato, adibito preferibilmente solo a questo scopo, e toglietelo dal fuoco quando l'acqua è sul punto di ebollizione (attenzione: l'acqua non deve assolutamente bollire!);
4)versatela nella teiera, mettete il coperchio e lasciate in infusione per 4-5 minuti. Poi servite.
Ma come? se volete imitare gli inglesi, verserete nella tazza prima del tè una nuvoletta di latte (per l'esattezza 2 cucchiai), e su questo, il tè. 
Per quanto riguarda lo zucchero, le preferenze sono del tutto personali. Comunque i tè molto aromatici andrebbero bevuti senza zucchero.
Alla francese, invece, il tè si beve con una fettina di limone, che lo rischiara leggermente.

Ecco, questo è quello che bisogna sapere per fare e bere un buon tè. Ma c'è ancora un particolare importante da non trascurare: come deve essere un buon "corredo" da tè? 
Ve lo racconterò presto, in un altro post!
Intanto... iniziate a scaldare l'acqua!!!

 (photos by me e Pinterest)

mercoledì 28 novembre 2012

Alaskian wedding

 Qualche giorno fa ho ricevuto una mail dalla mia agenzia viaggi con il preventivo e il programma del nostro viaggio di nozze in Alaska, fissato per maggio 2013.
Mi sono persa tra i vari link delle varie località e posti che visiteremo e...si sa, il rischio del web è che ci si ritrovi a vedere cose completamente diverse da quelle per cui si era cominciato a cercare.
Insomma, dopo una serie di siti di  alberghi dove soggiorneremo nella nostra honeymoon, ho scoperto Nathaniel Wilder, un fotografo alaskan molto bravo, e così ho pensato di proporvi una wedding session che a me è piaciuta tanto
Spiritosa, romantica e alquanto originale.

Queste è una parte del lavoro di Nathaniel Wilder per il matrimonio di Cassie ed Erik, celebrato nel sud dell'Alaska. Che ne dite?